“All’inizio del 1975, quando ero al college, il mio amico Paul Allen mi ha mostrato un numero di rivista Popular Electronics che presentava l’Altair 8800, il primo personal computer per avere successo commerciale. Entrambi avevamo lo stesso pensiero angosciato: “La rivoluzione tecnologica avrà luogo senza di noi! Siamo stati convinti che i computer avrebbero cambiato il mondo e avevamo paura di mancare il treno della rivoluzione digitale. Questa conversazione segnò la fine dei miei studi universitari e gli inizi di Microsoft. I prossimi cento anni hanno occasioni simili da offrire.
Poiché è diventato così facile condividere istantaneamente una buona idea con il mondo, il ritmo dell’innovazione sta accelerando. Non ci sono mai state così tante nuove aree da esplorare. Stiamo solo iniziando a sfruttare la capacità dell’intelligenza artificiale per aiutare le persone a essere più produttive e creative. La Bioscienza è piena di modi per aiutare le persone a vivere più a lungo e condurre una vita più felice. Il grande progresso dell’energia pulita lo renderà più redditizio e disponibile alle masse, che permetterà di combattere la povertà e di evitare gli effetti più devastanti del cambiamento climatico.
Questi progressi hanno potenziali affascinanti – potrebbero salvare e migliorare la vita di milioni di persone – ma non sono acquisite. Esso si concretizzerà solo se gli uomini e le donne scommetteranno sulle idee folli, sapendo che se qualcuno non funziona, una di esse potrebbe essere la scoperta scientifica che cambierà il mondo. Per i prossimi cento anni, abbiamo bisogno di persone che credono ancora nel potere dell’innovazione e sono disposte a prendere rischi per alcune idee rivoluzionarie.”

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: