“La mia speranza, il mio obiettivo non è mai stato quello di costruire un business. Sono stato guidato dall’ambizione di collegare le persone. Pochi anni dopo l’avvio di Facebook, le grandi aziende volevano comprarla. Quasi tutti hanno accettato di vendere, ma questo non era il mio caso. Volevo vedere se potessimo collegare più persone. Questo ci divideva profondamente, tanto che quasi un anno dopo ogni membro della direzione era andato via. Questo è stato il periodo più difficile della mia gestione di Facebook. Ho creduto in quello che stavamo facendo, ma mi sono sentito solo.
Peggio ancora, era colpa mia. Ho imparato che non basta avere un obiettivo. Dobbiamo creare la stessa ambizione negli altri. E non ho descritto quello che speravo di costruire. Un’ambizione condivisa dà senso e motivazione al di là della sopravvivenza o del denaro. Attrae persone che hanno gli stessi interessi, gli stessi valori.
A Facebook, creiamo prodotti che incidono su come le persone utilizzano la loro rete sociale: il significato profondo, al di là della prosperità della società è quello di creare un cambiamento sociale positivo nel mondo.
La nostra bussola è rendere i nostri servizi disponibili a più persone possibili, dare voce a tutti gli abitanti del mondo. Spesso accade che mi chiedano informazioni su come avviare un’impresa:
rispondo che l’obiettivo non dovrebbe mai essere quello di avviare un’impresa.
Concentrarsi su ciò che vuoi fare e trovare persone che condividano lo stesso obiettivo. In questo modo, potresti costruire qualcosa che ha un senso e che abbia un impatto positivo sul mondo.”

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: